Castello di Spezzano
Paesaggio
Sala
Bla
Bolla
MAF
Bici
Ceramica
Paesaggio
Circuito
Bla
Aceto
Villa
Paesaggio
 
Museo della Ceramica
Salse di Nirano
 
 
Acetaia Comunale
 
Acetaia foto di  Giacomo Martinez
Acetaia foto di Giacomo Martinez
Bottiglie di aceto foto di Roberto Messerotti
Bottiglie di aceto foto di Roberto Messerotti

L'acetaia comunale di Fiorano(guarda la galleria fotografica), collocata nella Torre Pentagonale e inaugurata nel 2008, ospita tre batterie di botti per la produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.
Già varcando la porta di accesso si è accolti dall'aroma dell'aceto che sta fermentando e maturando nei “vasselli” al secondo e terzo livello della torre: l'acetaia, infatti, deve essere collocata nel sottotetto, luogo adatto per le temperature elevate in estate e rigide in inverno. L'aceto balsamico tradizionale necessita di tale clima per fermentare e decantare adeguatamente, arrivando nel corso degli anni a trasformarsi nel prodotto di eccellenza riconosciuto con il marchio DOP.

Batterie e produzione
Una batteria di 10 botti ed una botte “madre” permettono di comprendere l'antico e complesso procedimento di travasi, che donano all'aceto balsamico tradizionale le caratteristiche migliori: profumo, densità e gusto inconfondibili. Due batterie, di cui una in attività dal 1986, pannelli descrittivi, documenti originali, strumenti e oggetti antichi legati alla produzione e alla cultura contadina, immergono il visitatore nella vita del “maestro acetaio”, che, con sapienza e saggezza tramandate di generazione in generazione, con tecniche antiche e quasi alchemiche, compie, negli anni, la trasformazione del semplice mosto cotto in squisito aceto balsamico. A disposizione del visitatore ricette di piatti tipici con aceto balsamico tradizionale di Modena.
Ben 25 anni sono necessari perché il prodotto possa definirsi “extravecchio”, mentre dai 12 ai 25 anni la denominazione è “affinato”: titoli ottenuti attraverso la valutazione del Consorzio Tutela dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, ente che tutela la produzione e il consumo del prodotto Dop, garantendo la qualità e la genuinità.


Attività dell’acetaia comunale
La conduzione dell'acetaia comunale di Fiorano è affidata ad acetai esperti della Consorteria dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, nel rigoroso rispetto delle regole della tradizione locale.
Ogni anno dal 2005, nel mese di ottobre, è organizzato l'evento “Castello Balsamico”che propone serate di formazione, informazione, degustazione e assaggio guidato sull'aceto, condotte in collaborazione con la Consorteria dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Se interessati all'evento, informazioni ed iscrizioni presso: Ufficio Cultura del Comune di Fiorano (tel. 0536.833412-833438, e-mail: cultura@fiorano.it) oppure Mario Bettini, Presidente dell'Associazione Amici del Castello (cell.335.6645151).


Orario di apertura e modalità di visita


L'acetaia è visitabile per gruppi (min. 10 persone) su prenotazione in ogni periodo dell'anno, tel.0536.833412-833438 o cultura@fiorano.it:

•  visita € 5,00 a persona

•  visita con assaggio guidato , costo € 7,00 a persona


Inoltre:

•  Ultima domenica del mese in apertura del Castello (Pasqua-novembre) ore 17.00
visita guidata gratuita di castello/museo e acetaia

Per ulteriori informazioni (link alla sezione visite guidate)

L'aceto balsamico tradizionale di Modena è in vendita presso il Castello.